TRE SUGGERIMENTI PER AUMENTARE IL PUNTEGGIO DI QUALITÀ DI ADWORDS

TRE SUGGERIMENTI PER AUMENTARE STRUTTURALMENTE IL PUNTEGGIO DI QUALITÀ DI ADWORDS

Probabilmente lo sai: da un po ‘di tempo sei impegnato con il tuo account AdWords. I risultati sono ora ragionevolmente stabili e ogni mese ricevi molte conversioni quasi allo stesso prezzo. Esegui periodicamente le ottimizzazioni standard del punteggio di qualità.  È tempo di passare e ridurre i costi senza perdere di vista la conversione.

 In questo articolo ti diamo 3 consigli – ancora relativamente sconosciuti – con i quali il tuo punteggio di qualità mostra una curva ripida strutturale!

LA CHIAVE PER UN PUNTEGGIO DI ALTA QUALITÀ

Una delle cose a cui pensi nel processo di miglioramento delle conversioni è il miglioramento del punteggio di qualità. Davvero sbagliato, perché un aumento del punteggio di qualità equivale a una diminuzione dei CPC. Se si osservano gli elementi di base che si utilizzano come marketer online per aumentare il punteggio di qualità, si tratta di:

  • Lascia che le tue parole chiave tornino nei tuoi testi degli annunci
  • Scegli la pagina di destinazione corretta
  • Le tue offerte sono puntate su una posizione migliore e un CTR migliore

Un certo numero di fattori determinano il punteggio di qualità in questo:

  • La rilevanza degli annunci pubblicitari
  • L’esperienza nella pagina di destinazione
  • La percentuale di clic prevista 

Sapendo questo, ci sono molte più possibilità oltre agli elementi di base per elevare strutturalmente il punteggio di qualità. E abbiamo le opportunità giuste per te qui!

1. ESCLUSIONI LONGTAIL IN SHORT TAIL

Le esclusioni ora ti sembreranno familiari. Escludi sempre la parola chiave esatta nel gruppo generale. La tua parola chiave generica può ancora essere attivata da una variante longtail della parola chiave esatta esclusa. Pertanto questa variante longtail dovrebbe essere esclusa anche nel gruppo allargato. Questo rende l’ambito dei termini che può far scattare la tua parola chiave più piccola, il che è positivo per la tua rilevanza.

2. ESCLUDERE I TERMINI DI RICERCA DA GRUPPI DI ANNUNCI ESATTI IN GRUPPI GENERICI

Agli inizi delle campagne ADS, una parola chiave esatta era esattamente la stessa che veniva scritta senza nessuna deviazione (plurale, femminile). Dal momento che Google ha deciso di cambiarlo a marzo 2017 , le parole chiave esatte possono essere attivate anche da piccole deviazioni. Come un altro ordine di parole, forme plurali o parole di funzioni aggiunte.

I marketer online che escludono solo la parola chiave esatta in ampi gruppi, in questo modo dimenticano le varianti esatte del termine di ricerca. Questo è un peccato, perché in questi termini di ricerca offri sia la tua esatta parola chiave sia la tua parola chiave con l’ampiezza delle deviazioni. Per fare questa scelta per  AdWords  , devi anche escludere le varianti del termine di ricerca. Un’esclusione esatta è infatti completamente esatta. Questo ucciderà due piccioni con una fava: tu migliorerai e la tua rilevanza, e tu escluderai la competizione interna. Doppio profitto!

3. OTTIMIZZA LE TUE ESTENSIONI

È già noto che l’uso delle estensioni aumenta la percentuale di clic. Ma molti esperti di marketing dimenticano che le estensioni, come il testo dell’annuncio, richiedono un’ottimizzazione. All’inizio è ovviamente fantastico implementare quante più versioni possibili delle diverse estensioni. Nel tempo, hai dati sufficienti per determinare quali estensioni producono i migliori risultati.

Per ottenere informazioni approfondite, devi fare un ulteriore passo. Nella scheda “Estensioni annuncio”, devi segmentare per “tipo di clic”. Questo ti dà quasi tutte le statistiche. È possibile rimuovere o migliorare i collegamenti del sito con prestazioni scadenti. Lo stesso vale per “estensioni di promozione” e “estensioni callout”.